Romeo e Giulietta Q1

 

TEatriNoGiullArE
allestimento dal testo del primo in quarto (Q1) -1597

traduzione di Silvia Bigliazzi
interpretato e diretto da Teatrino Giullare

21 giugno 2016, ore 21
Teatro Ristori

Una tragedia comica, di contrasti e di emozioni, di musica di festa che diviene accompagnamento funebre. Un racconto di attese, di solitudini, di fiori e di desideri che nell’arco di pochi giorni fanno nascere e morire la storia d’amore più famosa di tutti i tempi.

Romeo e Giulietta sono il sogno d’amore, i sentimenti puri uccisi dai compromessi sociali del mondo degli adulti in un tempo scandito dal ritmo incalzante del battito del cuore con un sempre più veloce alternarsi di giorni e notti che giocano con la luce, con le stelle, con la luna e con il sole che alla fine “non mostrerà più il suo volto in segno di tristezza” lasciandoci al buio.

Teatrino Giullare esalta il testo nel suo essere “copione”, le pagine che non sono solo parole ma azioni, luoghi, oggetti evidenziando la maggiore asciuttezza verbale del primo in quarto e lo spazio ritmico così accentuato che vive attraverso suoni, rumori e la diretta partecipazione della musica. E particolare attenzione viene posta al felicissimo tessuto metateatrale presente nel testo che mette in scena la vita (ed il teatro) in tutta la sua vivacità e nelle parole che attraversano i sensi, come passsioni improvvise “simili al lampo che cessa di esistere/prima che si possa dire lampeggia”.

(Enrico Deotti, Teatrino Giullare)